about me

about me

 

agosto: 2019
L M M G V S D
« feb    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

email

bottone email
La città Immobile
cosa leggo
mai più senza
italo calvino
fellini

Libertà.

Letto540volte

La libertà non può avere limiti. Le idee devono essere sfacciate, irriverenti, sfrontate, oscene. Irrispettose anche. Hanno il dovere di farci riflettere, di farci fare dei passi avanti, dapprima timorosi, poi più sicuri, di suggerire nuove strade, nuovi punti di vista. O perlomeno di provarci. Devono essere senza barriere.
La libertà è coraggio. Ed è il bene più prezioso che un paese possa avere.
Per questo l’attacco di un manipolo di fanatici della repressione nel cuore di una città libertaria, di uno stato libertario e di un paese libertario, è una sfida. All’intelligenza, al diritto di ironizzare, di commentare, di esprimere un punto di vista diverso.
Non è una guerra di religione, ma la contrapposizione tra il lavaggio del cervello e il pensiero libero.
Che sia la redazione di Charlie Hebdo o Peppino Impastato. Non cambia.
Si trattava di uomini oltre. Oltre il politicamente corretto. Oltre i tabù. Avevano dato fastidio a tutti: destra e sinistra, cattolici e musulmani. Erano senza limiti, proprio come dovrebbe essere la nostra libertà. Anche a costo di essere di cattivo gusto. Perché è questo il peso che deve sostenere la libertà. Erano uomini indignati che affrontavano in maniera sprezzante sessualità e religione. Tutte le religioni. E la loro vita è stata spezzata. O forse no.
La satira, l’ironia, sono armi che feriscono più profondamente di qualunque bomba. Più di ogni mafia o politica del terrore.
E basta con quelli che “in fondo erano offensivi, esagerati. Cattivi anche. E che se l’erano un po’ cercata” se non vogliamo trovare attenuanti ad ogni forma di violenza. Deridere un potere, un fanatismo, un estremismo religioso, non offende la fede o dio. Ma anzi, li difende dalla stupidità degli uomini, che intraprendono guerre in loro nome.
Questa tragedia serve a farci riflettere. Ci ricorda che dobbiamo resistere. E batterci, tutti i giorni, contro ogni forma di intolleranza. Senza paura, perché la risposta più potente al terrorismo è proprio questa: non farsi terrorizzare.

“Se cediamo alla fine ci sarà solo una pagina bianca”
(Charb)

Comments are closed.