about me

about me

 

ottobre: 2019
L M M G V S D
« feb    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

email

bottone email
La città Immobile
cosa leggo
mai più senza
italo calvino
fellini

Sabato

Ritrovo la voglia di scrivere in un sabato mattina di Marzo, che però sembra Aprile. Mentre la Primavera, con un pugno, sfonda il vetro della finestra. Una di quelle mattine dove dimentico tutto, per ricordare tutto. E qualunque cosa mi si incolla al cervello, come la sabbia al cappotto, quando mi ci siedo sopra. Le [...]

Quella volta che ho sognato Nick Cave

Quella volta che ho sognato Nick Cave, c’eri anche tu. Che nel mio sogno dormivi, e io stavo stesa nel letto, la pelle come una magnolia. Vicina a te, forse a contarti i capelli.

E poi mi sono svegliata. E c’era odore di legno e di vernice. Come stamattina. Ma non pioveva. Oggi invece sì. [...]

Come le canzoni

Ci sono persone così piene che non sai più dove metterle. E allora le infili un po’ tra le note e le parole di una canzone. C’è Where are we now, che ho ascoltato sette volte di seguito. Ero seduta su quella panchina, giù al faro. Era gennaio, faceva freddo e piangevo, perché te ne [...]

Quando non ci sei

L’ultima volta che mi sono addormentata sul tuo pensiero. L’ultima volta che la tua mano non era vicina alla mia. L’ultima volta che ho aspettato che tornassi da un viaggio solo per rivederti. L’ultima volta in cui il cielo, così pieno di stelle in quelle nitide notti di gennaio, mi è sembrato diverso. L’ultima volta [...]

One day I am gonna grow wings

Non ci sono ancora ali o piume, ma qualcosa inizia a muoversi. Proprio qui, sopra alle scapole. Alate, anche quelle. “Un giorno mi cresceranno le ali, una reazione chimica”, dice una canzone che mi piace. Non deluderò più il mio cuore. L’ho promesso a me stessa, all’alba dei miei trentuno: non mi abituerò agli sbadigli. [...]

Maps

Scappo dalla confusione e mi rifugio quassù. Un quassù senza nome, perché voglio che, almeno oggi, rimanga solo mio. Mi guardo riflessa nel finestrino di un’auto parcheggiata: ho l’aria arrendevole per finta e il passo incerto, mentre salgo. Oggi la fretta non è contemplata. Stanca, la sera cala, come un sipario. Sono le diciannove e [...]

Tra poco è Ferragosto

Rimini, è il tredici di agosto, ho segnato questa data sul mio calendario. E’ un anno che vivo qui, nella mia “chambre de bonnes”. In questa casa, che mi custodisce come un violino. Un anno fa, mi chiusi la porta alle spalle e appoggiai le ultime scatole a terra. Alle 19.45 segnai questa frase che [...]

Non luoghi_02

Firenze e le sue statue di marmo. Bianche come le mie cosce. Le tue piccole scoperte e i luoghi che hai trovato. La mia cervicale, che non mi dà tregua. I musei, Kandiski, Pollock e Rothko. Le sale buie e i libri usati. Decine, centinaia di libri usati. La pioggia e gli “appena in tempo”. [...]

Entre chien et loup

Mi piace camminare da sola, in estate, quando cala la sera. La quiete dell’asfalto caldo mi aiuta a mantenere la mente intatta. Magari solo per una decina di minuti, ma sufficienti per vincere piccole guerre private. Passo di fronte a tutti quei luoghi che mi hanno custodita e guardo con curiosità nuova posti che avrò [...]

Non luoghi_01

Avevo cinque anni, forse sei, magari sette. Non ricordo. Camminavo con quella peccatrice di mia nonna, pochi passi dietro di me. Le prime illusioni di libertà. Rami di morosi, che metodicamente smembravo mentre lei cantava qualcosa. Voce alta e battuta pronta, mia nonna. Come una fucilata. Più veloce di qualunque cecchino. In fondo alla strada, [...]