about me

about me

 

gennaio: 2016
L M M G V S D
« dic   feb »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

email

bottone email
La città Immobile
cosa leggo
mai più senza
italo calvino
fellini

Quando ti dormo addosso.

Quando la sera ci infiliamo nel letto, ti tolgo l’armatura e ci dormiamo addosso. Come due guerrieri sfiniti. Quando scoppio a ridere seduta di fianco a te, in auto. Quando non ho le parole per dirlo. Quando provo a salvarti dal tuo buio, quando mi rimetti sui binari dritti, fino al mattino. Con il caffè [...]

La sera del venti.

Tutti i giorni dovrebbero essere come la sera prima di rivederti. La sera del diciannove. Con i ricordi delle serate al cinema, quando anche i nostri ginocchi si baciavano nel buio. La sera del venti. Occhi che diventano mani. E noi due, che riprendiamo sempre da dove abbiamo lasciato, o qualche metro più in là. [...]

Hic manebimus optime.

Qui staremo benissimo. Hic manebimus optime è una storia vecchia, anzi antica. Una storia di ostinazione, di ricostruzione. Ma anche di coraggio, di lucida follia. “Pianta l’asta qui, signifero. Questo è il posto giusto per noi”. A pronunciarla potresti essere tu, o io. O chiunque abbia in testa l’idea di dare origine a Roma. O [...]

Adore.

Ogni risveglio mi racconta qualcosa di me. Quello di stamattina mi dice che sono indubbiamente, innegabilmente, sicuramente, fatta di carne. Il collo è dolorante, la testa è dolorante, gambe e schiena sono doloranti. Mi sembra di avere sulle spalle tutto il peso del mondo ma sono tornata a respirare dopo giorni di apnea. Di corde [...]

Gli Anni.

gli anni

La fine della Seconda Guerra Mondiale, la liberazione, il silenzio su Auschwitz, la ricostruzione, la scoperta del sesso, la guerra in Algeria, il benessere, una nuova società consumista, il diritto all’aborto, l’emancipazione femminile, la pillola anticoncezionale, il Vietnam, Sartre e Simone De Beauvoir, il maggio francese, Mitterand, gli anni Ottanta, la caduta del muro di [...]

Trediciuno.

Mi immagino vestita d’inchiostro, per tutte le parole d’amore, per le lettere che rimarranno segrete, che ho scritto per sentirmi vicino a qualcuno che non c’è. Dove racconto di quel modo di tenere le posate. Lo stringersi nelle spalle, mentre cammini. Di come porti il cibo alla bocca. Ci sbraneremo il cuore, io e te, [...]

Io, mia madre e David Bowie.

Uno dei miei primi cd fu “The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars”. Facevo il primo anno di liceo, o forse il secondo, ed ero in giro con mia madre. Avevo già sentito parlare di Bowie, ma non sapevo nemmeno che faccia avesse. Poi vidi il cd nel cesto degli [...]

L'altra faccia della mela.

Il tempo è un’imboscata. Con un dito provo a stirare la pelle sottile sotto la rima delle ciglia. Iniziano a vedersi parecchio queste rughe, penso. E il mio ovale non è più sodo come una volta, la pelle sotto al mento sembra un lenzuolo che è stato lavato troppo e male. E quei segni intorno [...]

Ovunque proteggi.

Ci sono rituali di partenze. E di pazienza. Ci vuole pazienza per amare e pazienza con chi ci ama, ma ci allontana. Ci vuole pazienza con chi va. Pazienza per attraversare il dolore, con coraggio e dolcezza. Ci vuole pazienza. Quindi, con pazienza, proteggi quelli che amano forte. Ovunque proteggi, quelli che amo. Proteggi chi [...]

Dopo.

Dopo i nubifragi tra le tue ciglia e la polpa matura delle mie labbra. Dopo la colazione insieme alla domenica, e il letto sfatto. Dopo tutta questa verità, che farà anche male, ma è l’unica strada che conosciamo. Dopo che ormai ho dato un altro nome all’amore, ed è il tuo. Dopo i balli in [...]