about me

about me

 

ottobre: 2012
L M M G V S D
« set   nov »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

email

bottone email
La città Immobile
cosa leggo
mai più senza
italo calvino
fellini

Comacchio.

Le sfumature, il cielo basso sulle valli, le nuvole pesanti sulla terra. La nebbia, che nasconde. La stagione di mezzo, l’autunno, che è uno stato d’animo prima di tutto. Lo scialle di lana, i tortelli in brodo e l’atmosfera di casa. I sapori nuovi. Qualche parola in un dialetto che non capisco. I colori della [...]

Matt Corby.

3023

Il mio ultimo colpo di fulmine musicale è l’australiano Matt Corby, che canta e suona come se provasse a sedurre la sua chitarra acustica. Sfiora le corde e ci fa l’amore, la accarezza con la voce. I suoni che ne scaturiscono sono rarefatti, e scivolano morbidi come acqua sulla riva. La voce ricorda quella di [...]

Perché sì.

Mi piace l’arte astratta perché non mi interessa la riproduzione della realtà. Sono sempre stata più interessata all’anima. Di chi la fa, l’arte, e di chi la guarda. Io, nell’Icaro di Matisse, vedo un uomo che sale, non che precipita. Un sogno, forse. E come nei sogni non c’è forza di gravità. Solo un uomo, [...]

Madrid, me encanta.

Le facciate dei palazzi, come pizzi e merletti. La gente in giro fino al mattino. Le mille anime di una sola città: omosessuale, cattolica, trasgressiva, tradizionale, regale, anarchica, antica e moderna. I cieli bellissimi e i giardini che non ti aspetti, verticali, nascosti, metropolitani. I vecchi libri, come preziosi tesori, tra incensi e vasi di [...]

Ci risiamo.

Progettare un viaggio, anche breve, mi regala sempre una dose di felicità. E’ come quei sogni, che non fai mai di notte.

Ma i veri viaggiatori partono per partire e basta: cuori lievi, simili a palloncini che solo il caso muove eternamente, dicono sempre “Andiamo”, e non sanno perchè. I loro desideri hanno le [...]

Appendici.

Oggi penso che:

- non si è mai lontani abbastanza per trovarsi.

- c’è chi stupisce e chi delude. Chi avrebbe dovuto conoscerti, e non l’ha mai fatto fino in fondo.

- qualche volta è necessario fare tardi. Lasciare l’auto e continuare a piedi, magari solo per godere della luce rosa che accompagna il tramonto [...]