about me

about me

 

aprile: 2012
L M M G V S D
« mar   mag »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

email

bottone email
La città Immobile
cosa leggo
mai più senza
italo calvino
fellini

Luci ed ombre.

Chiudo gli occhi, l’odore dolciastro delle piante è forte. L’unica forma di invadenza che sopporto e mi piace. Sotto il mare, sopra gli alberi e di fronte un continuo alternarsi di luci ed ombre. Ci sono gli uccellini e le farfalle e mi sento in pace.

Le cose continuano a cambiare, continuamente. Nonostante questo, mi [...]

La neve.

La neve continuava a cadere a grandi fiocchi da due giorni, senza tregua. Si distinguevano a fatica i profili delle macchine. Cesira abitava in città da almeno cinquant’anni, ma di nevicate così non ne aveva mai viste. Quando viveva in campagna con i suoi, da bambina, ogni volta che nevicava era impossibile muoversi. [...]

Stalker versus stalker.

Dalla finestra aveva visto l’auto parcheggiata. Roberto chiuse la lettera e se la mise in tasca. Poi prese il sacco dei rifiuti e uscì di casa. Era già buio. Sollevò il tergicristalli e ci infilò sotto la lettera, sicuro di non essere visto, poi gettò il sacco nel cassonetto. La strada era [...]

Imperatrice di me stessa.

Sotto il sole d’aprile, scrivo sull’ultima pagina del mio quadernino qualche riflessione:

La regola è molto semplice. Chi vuole restare, resta. Chi non ti cerca, non ti vuole cercare. Chi vuole tornare, torna. Se qualcuno si comporta come se non gli importasse, vuol dire che non gli importa veramente. Chi pensa che tu sia “una [...]

Una fotografia.

Mi piace riguardare le vecchie foto. Non mi trovo diversa, anzi. Sono io in tutto e per tutto. Nel broncino da bambina capricciosa, in quei capelli che odio, nella curiosità, che è rimasta tale e quale (perchè mi volto? C’è una presenza in lontananza?). Anche la posa da “sotuttoio” è sempre quella. Ancora mi sporco [...]

Silenzio.

Ho trovato il mio posto speciale e, anche oggi, ci sono solo io a goderne. Per fortuna. Il sole, che ogni tanto sbuca fuori dalle nuvole, mi scalda le gambe nude, mentre leggo il mio giornale preferito. C’è un po’ di vento, ma dentro alla mia felpona, non ho paura di niente. E poi, finalmente, [...]

Risvegli

Il mio risveglio stamattina. Un video incantevole per una canzone delicatissima, di questo cantante israeliano – Oren Lavie – che non conoscevo. Condivido questa piccola scoperta.

Soon she’s down the stairs Her morning elegance she wears The sound of water makes her dream Awoken by a cloud of steam She pours a daydream in a [...]

Sereno variabile.

Note positive e negative di una giornata qualunque, di meteo variabile:

- Alcune persone non cambiano mai. Per fortuna. E anche se è passato un po’ di tempo, dall’ultima volta, si riprende sempre da dove ci si era interrotti.

- Mi manca quello che dici. Davvero. Tra le mille cose che mi mancano di te, [...]

Jonas David.

ep

“C’è un tizio che suona musica folk in una grotta, a Santarcangelo, stasera”. “Musica folk. Quindi barba lunga e camicia scozzese”.

E fu così che ho assistito ad uno dei concerti più belli e suggestivi della mia vita. Il tizio in questione è Jonas David. Tedesco, nato nell’87, e già al suo secondo disco. Scalda [...]

Piaceri d'aprile

un temporale che tarda ad arrivare, un cesto di fragole, le foglie di basilico, una girella di qualche bambino infilata in un vaso, sul balcone, i fiori di pesco che sbocciano ovunque.